Interrogazione nr. d'ordine 953

Logo Partito Democratico   Giuseppe Saccà
Nr. d'ordine: 953
Data pubblicazione: 26-03-2024
Data scadenza: 25-04-2024
Proponente: Giuseppe Saccà
Altri firmatari: Alberto Fantuzzo, Alessandro Baglioni, Emanuela Zanatta, Monica Sambo, Emanuele Rosteghin, Paolo Ticozzi
Referente: Assessore Massimiliano De Martin
Tipo risposta richiesta: scritta
Oggetto: Manutenzioni Bosco di Mestre
Oggetto: Manutenzioni Bosco di Mestre
Tipo di risposta richiesto: scritta
 

Premesso che:

  • il Piano degli interventi selvicolturali per il Bosco di Mestre - redatto da un professionista su incarico dell’Istituzione Bosco e Grandi Parchi del Comune di Venezia, giusta la Determinazione n. 41 PG 1907727/2014, tenendo conto degli indirizzi del Piano Guida per il Bosco di Mestre, approvato con D.C.C. n. 60 del10/05/2004 e revisionato con D.C.C. n. 100 del 14/09/2009 – prevede gli interventi di manutenzione necessari per il decennio successivo alla redazione del Piano stesso, più ulteriori tre anni, dunque per un arco di tempo che va dal 2015 al 2027. Riguarda 107 ha. su una superficie totale di 221,3248 ha;
  • della superfice interessata, 159 ha. sono classificati come “Bosco” ai sensi della deliberazione della giunta regionale n. 1319 del 23 luglio 2013, con riferimento all'art. 2, comma 6, del D.Lgs 18 maggio 2001, n. 227 e successive modificazioni), mentre i residui 63 ettari sono distinti tra: quattro tipologie di prati, compresi gli habitat prativi SIC IT3250010 del Bosco di Carpenedo, per un totale di 31 ha., le zone produttive non boscate e quelle improduttive, per cui pure vengono indicati gli interventi necessari in funzione della destinazione d’uso e del valore ecologico.

 Rilevato che:

  • tali interventi discendono dalla strategia di piano specificata dal succitato Piano Guida, che assegna a ciascuna area i criteri prevalenti tra quelli ambientali, bio-ecologici, ricreativi-paesaggistici e sociali;
  • gli interventi sono specificati nella tabella alle pagine 49 e 50 con dettaglio riferito a ciascuna delle 40 particelle individuate allo scopo. Per ciascun anno e ciascuna particella, il Piano specifica il tipo di intervento in funzione dell’uso previsto, le modalità di esecuzione ed il grado di priorità (alta, media o bassa), naturalmente con riferimento alla data di redazione del Piano stesso, nonché i rischi che si presenterebbero per i frequentatori nel caso le manutenzioni non venissero eseguite;
  • complessivamente, la relazione segnala (pag. 49) che “L’età stadiale della gran parte delle formazioni (spessine e giovani perticaie) rende urgente la prosecuzione degli sfolli e dei diradamenti avviati negli anni scorsi, che dovranno quanto prima interessare tutte le particelle imboschite”.

Considerato che:

  • avendo chiesto di conoscere durante il dibattimento del Bilancio quali interventi siano stati effettuati finora, quali in corso di esecuzione e quali in programma, è stata fornita dagli uffici una tabella denominata “Bosco di Mestre: Interventi 2020-2023” in cui vengono elencati i finanziamenti – senza specificare se già spesi, impegnati o solo stanziati – distinti per nuovi impianti, manutenzione ordinaria e straordinaria. Complessivamente, le tre voci assommano a circa 3 milioni di euro in 5 anni, di cui il 54% per nuove forestazioni, il 24% per manutenzione ordinaria ed il 22% per manutenzione straordinaria;
  • i dati contenuti nella tabella non consentono di capire quali interventi siano stati eseguiti né quali siano effettivamente riferiti al Bosco di Mestre e non anche ai due grandi parchi già in gestione all’apposita istituzione. Infatti molte voci sembrano riferirsi cumulativamente a parchi e boschi, come, per citarne una, “Assistenza, tutela e salvaguardia ambientale nel Bosco di Mestre e nei Grandi Parchi”; altre -anche se di piccola entità – si riferiscono a “servizio di apertura al pubblico e sorveglianza del Bosco di Carpenedo”; altre ancora si riferiscono ad arredo e impianti (sempre cumulando Boschi e Parchi) e dunque non a quelle opere che la relazione Siardi segnalava come urgenti.

Tutto ciò premesso e considerato, si interrogano il Sindaco e gli Assessori competenti per sapere:

quali opere siano state eseguite o siano programmate  per la manutenzione forestale del Bosco di Mestre, quali per la manutenzione degli arredi e della viabilità; tutto ciò anche alla luce del gradimento per il Bosco stesso da parte della popolazione, come del resto segnalato dall’indagine contenuta nella relazione stessa.

Giuseppe Saccà

Alberto Fantuzzo
Alessandro Baglioni
Emanuela Zanatta
Monica Sambo
Emanuele Rosteghin
Paolo Ticozzi

 
Interrogazione in formato pdf
Torna indietro

Continuando a navigare questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra Cookie Policy