Interrogazione nr. d'ordine 676

Logo Venezia è Tua   Cecilia Tonon
Nr. d'ordine: 676
Data pubblicazione: 24-11-2022
Data scadenza: 24-12-2022
Proponente: Cecilia Tonon
Referente: Assessore Massimiliano De Martin
Tipo risposta richiesta: in Commissione
Assemblea competente: V Commissione
Oggetto: Riciclo e riutilizzo di idrocarburi esausti/corrotti nell’ambito lagunare
Tipo di risposta richiesto: in Commissione
 

Premesso che

  • le barche a motore producono residui quali gasolio e benzina che, non utilizzati, diventano esausti e quindi non più utilizzabili come carburante per barche;
  • parimenti può accadere che i combustibili vengano contaminati da acqua  - dolce o salata - o da altri materiali, perdano quindi le proprietà di combustione e divengano non più utilizzabili;
  • seppur raramente, può accadere che combustibili di diversa natura (benzina e diesel) vengano mescolati dal singolo per errore in fase di approvvigionamento carburante rendendo inutilizzabile la miscela;
  • sia il gasolio che la benzina esausti e/o corrotti possono essere riciclati e venire riutilizzati: possono infatti essere immessi negli impianti di produzione e ri-raffinazione, rientrando pertanto nel ciclo produttivo;

Considerato che

  • né in laguna né a Mestre né nella gronda lagunare sembrano essere presenti punti di raccolta degli idrocarburi esausti/corrotti;
  • si riscontrano difficoltà nello smaltimento, per assenza di punti di conferimento dedicati, di benzina e gasolio esausti o contaminati da altri liquidi o materiali provenienti altresì dagli autoveicoli presenti nelle isole della laguna, quali Lido, Sant’Erasmo, Vignole e Pellestrina;

Considerato ancora che

  • l'assenza di punti di raccolta è un grosso ostacolo al riciclo e riutilizzo di queste sostanze;
  • l'assenza di punti di raccolta ha anche la deleteria conseguenza di provocare comportamenti incivili e dannosi come l'abbandono con sversamento da parte di chi trova residui di gasolio e/o benzina esausti/corrotti e non trova un luogo agevole dove conferirli;
  • è inutile sottolineare l'enorme danno ambientale provocato da queste condotte;

Si interroga l’Assessore competente

per sapere se l’Amministrazione comunale intenda dare una risposta al problema attraverso la predisposizione di uno o più punti di raccolta degli idrocarburi esausti e/o corrotti, anche mediante accordi con imprese del settore, accompagnata da una adeguata campagna di sensibilizzazione ambientale sul tema.

Si richiede altresì, per una esaustiva discussione, l'audizione in sede di commissione consiliare dei responsabili di VERITAS S.p.A. competenti per materia.

Cecilia Tonon


 
Interrogazione in formato pdf
Torna indietro

Continuando a navigare questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra Cookie Policy