Mozione nr. d'ordine 363

Logo Partito Democratico   Paolo Ticozzi
Nr. d'ordine: 363
Data pubblicazione: 27-05-2022
Proponente: Paolo Ticozzi
Altri firmatari: Giuseppe Saccà, Alberto Fantuzzo, Emanuele Rosteghin, Emanuela Zanatta, Gianfranco Bettin, Gianluca Trabucco, Sara Visman, Giovanni Andrea Martini
Assemblea competente: Consiglio comunale
Oggetto: Venezia dichiara lo stato di emergenza climatica e ecologica e azioni conseguenti
 

Preso atto che:

il pianeta Terra è fortemente minacciato dalla crisi climatica come ampiamente documentato dalla comunità scientifica, bisogna agire con rapidità e decisione perché mette a rischio la sopravvivenza della stessa specie umana;

considerato che:

le attiviste e gli attivisti climatici di Extinction Rebellion hanno chiesto al Comune di Venezia una dichiarazione dello stato di emergenza climatica ed ecologica con il documento allegato alla presente mozione;

considerato inoltre che:

è stata svolta una I + VI commissione consiliare con l'audizione del prof. Rodolfo Lewanski che ha illustrato i meccanismi delle assemblee dei cittadini (citizen's assemblies);

tutto ciò premesso e considerato, il consiglio comunale 

DICHIARA LO STATO DI EMERGENZA CLIMATICA ED ECOLOGICA (DECE),

si impegna e impegna il Sindaco e la Giunta ad accogliere e mettere in pratica le richieste di Extinction Rebellion presenti nel documento allegato e in particolare:

  • promuovere la conoscenza e divulgare (ad esempio sui display già presenti nel sistema dei trasporti urbani) il valore in milioni di tonnellate delle emissioni di CO2 equivalente del Comune di Venezia e/o città Metropolitana di Venezia desumibile da inventari ufficiali come INEMAR;
     
  • monitorare e comunicare la perdita di biodiversità e lo stato degli ecosistemi;
     
  • esplicitare e promuovere la conoscenza fra la popolazione su quali sono le iniziative prioritarie a livello del Comune di Venezia in grado di ridurre, e in che misura, i valori di CO2eq e aumentare la biodiversità;
     
  • programmare disincentivi economici per le attività produttive che non si adeguano agli obiettivi di contenimento delle emissioni climalteranti o che causano riduzione della biodiversità;
     
  • stabilire nei primi 100 giorni dall’approvazione della DECE (Dichiarazione dello stato di Emergenza Climatica e Ecologica) un percorso dettagliato e un cronoprogramma definito per attuare una assemblea di cittadini in materia di politiche ambientali.
Paolo Ticozzi

Giuseppe Saccà
Alberto Fantuzzo
Emanuele Rosteghin
Emanuela Zanatta
Gianfranco Bettin
Gianluca Trabucco
Sara Visman
Giovanni Andrea Martini

 
Mozione in formato pdf
Torna indietro

Continuando a navigare questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra Cookie Policy