Mozione nr. d'ordine 202

Logo Luigi Brugnaro Sindaco   Silvia Peruzzo Meggetto
Nr. d'ordine: 202
Data pubblicazione: 03-04-2021
Proponente: Silvia Peruzzo Meggetto
Altri firmatari: Barbara Casarin, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Enrico Gavagnin, Emmanuele Muresu, Giorgia Pea, Aldo Reato, Francesca Rogliani, Paolo Romor, Alessandro Scarpa, Matteo Senno, Chiara Visentin, Riccardo Brunello, Giovanni Giusto, Alex Bazzaro, Nicola Gervasutti, Paolo Tagliapietra, Maika Canton, Francesco Zingarlini, Deborah Onisto
Assemblea competente: Consiglio comunale
Oggetto: Sostegno e solidarietà ai lavoratori e agli imprenditori della filiera del turismo, colpito duramente dalla crisi scatenata dalla pandemia da COVID-19
 

PREMESSO CHE

- la pandemia da COVID-19 che perdura da oltre un anno, ha causato una drastica riduzione degli arrivi e delle presenze turistiche. Riduzione certificata anche dall'osservatorio del turismo del Comune di Venezia che, sui dati forniti dall'ufficio di statistica della Regione del Veneto, ha riscontrato una variazione in percentuale nell'anno 2020 rispetto all'anno 2019 di -75,8% di arrivi e -72,5% di presenze.

- è importante sottolineare inoltre che la Città di Venezia ha subito una sensibile contrazione dei fatturati delle strutture ricettive e di tutte le filiere connesse, direttamente e indirettamente, già a partire dal 12 novembre 2019, quando un'eccezionale Acqua Granda, arrivata ad un picco di 187 cm, ha generato un crollo delle prenotazioni e della presenza turistica.

CONSIDERATO CHE

- il turismo per Venezia, città d'arte per eccellenza, è un segmento sostanziale dell'economia territoriale e rappresenta un asset fondamentale del proprio PIL,  che ha riflessi diretti su tantissimi altri settori quali: trasporti, ristorazione, sport, strutture ricettive, attività ricreative, culturali, spettacolo, agricoltura, pesca, artigianato, commercio, piccole, medie e grandi aziende;

- l'aeroporto Marco Polo e il Porto sono sistemi complessi nei quali operano diversi soggetti, con migliaia di lavoratori che sono fermi da oltre un anno;

- correlate alle infrastrutture c'è una varietà ampia e articolata di filiere produttive, non rappresentabili da singoli codici ATECO

- la realtà aziendali ricomprese spaziano dalle imprese individuali a grandi imprese con migliaia di dipendenti;

- tali realtà rappresentano motori economiche non insistono solamente nel territorio comunale veneziano, ma estendono la loro influenza a livello metropolitano, regionale e nazionale, rivestendo in questo scenario una valenza cardinale in termini di occupazione e di economia.

CONSIDERATO INOLTRE CHE

- in tale contesto eccezionale e stimati i tempi dilatati di risoluzione dell'emergenza, c'è la concreta possibilità di non prevedere un rapido recupero di un driver strategico del nostro territorio

- l'emergenza da Covid19 ci sta costringendo a un veloce e concreto adattamento ai profondi cambiamenti che hanno stravolto in modo irreversibile le abitudini di vita e il modo stesso di viaggiare

- il Sindaco di Venezia, congiuntamente con quello di Firenze, ha presentato al Governo un decalogo di proposte per il rilancio delle Città d'arte, quale contributo operativo per superare le conseguenze della pandemia;

PRESO ATTO CHE

- in quest'ottica sarà fondamentale programmare interventi di sicurezza sanitaria, innovazione tecnologica, digitalizzazione e innovazione ambientale

- come annunciato dal Commissario europeo Thierry Breton, entro il mese di giugno dovrebbe essere attivato il passaporto sanitario europeo, indicato come strumento essenziale per una riapertura ordinata dei flussi turistici internazionali.

TUTTO CIO' PREMESSO, CONSIDERATO E RITENUTO

Il Consiglio Comunale della Città di Venezia esprime la propria solidarietà a tutti i lavoratori e ai titolari di aziende della filiera turistica, intesa nella sua accezione più ampia e SOSTIENE il Sindaco nel promuovere, a livello metropolitano, regionale, nazionale ed europeo:

- misure a sostegno del lavoro, che prevedano l’estensione delle misure speciali in tema di ammortizzatori sociali, norme in materia di riduzione dell’orario di lavoro e di sostegno alle imprese che tengano conto della specificità dei territori principalmente a vocazione turistica internazionale, proprio come Venezia;

- l'istituzione, per almeno un triennio, di sgravi fiscali dedicati, sotto diverse forme, per l'acquisto di pacchetti, locazioni e servizi turistici in Italia per rilanciare il settore e bilanciare al contempo la diminuzione del reddito degli Italiani, superando le criticità del “Bonus vacanze”;

- la riorganizzazione del modello di governance, che restituisca alle città un ruolo primario nella promozione e nell’organizzazione del "prodotto turistico", in sinergia con Regioni, Stato ed ENIT;

- il rilancio dell'immagine della Città di Venezia, anche nella sua accezione metropolitana, in occasione delle celebrazioni dei 1600 anni dalla sua fondazione;

- azioni a supporto del settore trasporti, a fronte della specificità di Venezia, con un incremento del fondo nazionale per il TPL e lo sviluppo del settore del trasporto pubblico non di linea;

- la centralità di Porto e Aeroporto di Venezia per la movimentazione di persone e merci;

- l'implementazione e il rafforzamento dei sistemi sanitari, data anche la disponibilità di associazioni di categoria ed enti bilaterali, al fine di mettere in atto una campagna vaccinale la più rapida ed efficace possibile che renda Venezia Covid Free il più velocemente possibile, salvaguardando innanzitutto le persone più anziane e più fragili.

Silvia Peruzzo Meggetto

Barbara Casarin
Paolino D'Anna
Alessio De Rossi
Enrico Gavagnin
Emmanuele Muresu
Giorgia Pea
Aldo Reato
Francesca Rogliani
Paolo Romor
Alessandro Scarpa
Matteo Senno
Chiara Visentin
Riccardo Brunello
Giovanni Giusto
Alex Bazzaro
Nicola Gervasutti
Paolo Tagliapietra
Maika Canton
Francesco Zingarlini
Deborah Onisto

 
Mozione in formato pdf
Torna indietro

Continuando a navigare questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra Cookie Policy